Marocco

Il paese più occidentale del nordafrica, a cavallo tra Oceano e Mediterraneo, con una storia che si mescola a quella europea e una cultura che parla di berberi, spagnoli, francesi e arabi. Dal 1999, il Marocco di re Mohammed VI ha intrapreso la strada della modernizzazione, con un sogno nel cassetto: diventare un giorno membro UE…

[Nell'immagine: Il deserto ricopre buona parte del Marocco]

Nome Completo:Regno del Marocco
Popolazione:31,6 milioni (ONU, 2005)
Capitale:Rabat (1.717.000 ab 2007.)
Superficie:710.850 km2
Lingua ufficiale:Arabo, Berbero, Francese, Spagnolo
Religione:Musulmana
Governo:Monarchia costituzionale
Capo di Stato:Mohammed VI
Capo del Governo:Abbas El Fassi
Indipendenza:dalla Francia il 2 marzo 1956
Ingresso all'ONU:12 novembre, 1956
Aspettative di vita:67 anni (uomini), 72 anni (donne) (fonte ONU)
Moneta:Dirham
Maggiori esportazioni:minerali, prodotti ittici
Pil pro capite:US $1.730 (Banca Mondiale, 2006)
Estensione domini:.ma
Fuso orario:UTC
Prefisso internazionale:+212
Sito ufficiale (in francese e arabo):www.pm.gov.ma

Ebrei marocchini

Una minoranza significativa sono gli ebrei marocchini che, negli anni della colonizzazione francese godettero di eguali diritti rispetto ai connazionali arabi. In parte discendenti dalle comunità espulsa dalla Spagna nel 1492, in parte discendenti da berberi convertiti all’ebraismo, prima del massiccio esodo nella seconda metà del secolo scorso, gli ebrei formavano in Marocco la più grande comunità in uno stato arabo. Negli ultimi anni, però, la loro presenza è diminuita fino ad arrivare a formare una comunità di solo 7,000 persone.

Lingua

Il Marocco è il terzo paese più popoloso d’Africa, dopo Nigeria e Sudan.

La maggior parte della popolazione parla l'arabo, con il particolare accento marocchino, ma ben il 40%, circa 6 milioni di abitanti, parlano il berbero soprattutto nelle zone più interne.

Mohammed VI è stato il primo sovrano a riconoscere l’importanza del berbero creando nel luglio 2001 il primo Istituto Reale per la Cultura Berbera.

Altrettanto diffuse sono le lingue europee, in particolar modo il francese, per i forti legami storici è la lingua più usata nel commercio, e lo spagnolo parlato da circa 20,000 persone soprattutto nella parte nord.

Condividi questa pagina