Polonia

Dopo le ferite della seconda guerra mondiale, e i cinquant'anni di regime comunista, il primo gennaio 2004 la Polonia è entrata nell'Unione Europea. Una data storica, se si pensa alle difficoltà economiche che il paese ha dovuto affrontare nei primi anni '90. Nonostante la ripresa di fine millennio, l'economia rischia di precipitare ancora, e dall'entrata in Europa, milioni di giovani polacchi sono emigrati…soprattutto in Gran Bretagna

[Nell'immagine: Una veduta della città vecchia di Varsavia]

Nome Completo:Repubblica Polacca
Popolazione:38,1 milioni (ONU, 2007)
Capitale:Varsavia
Superficie:312.685 km2
Lingua ufficiale:Polacco
Religione:Cristiana
Governo:Repubblica parlamentare
Presidente:Bronisław Komorowski
Primo Ministro:Donald Tusk
Indipendenza:11 novembre 1918
Ingresso nell'UE:1 maggio 2004
Ingesso nell’ONU:24 ottobre 1945
Aspettative di vita:71 anni (uomini), 80 anni (donne) (fonte ONU)
Moneta:zloty
Maggiori esportazioni:Macchinari, prodotti chimici e agroalimentari
Reddito pro capite:US $7,100 (Banca Mondiale, 2006)
Estensione domini:.pl
Fuso orario:UTC + 1
Prefisso internazionale:+48
Festa nazionale:3 maggio e 11 novembre
Sito ufficiale (in inglese): Prezydent.pl

Tesi Correlate

  • La comunità musulmana in Polonia

    La Polonia è uno dei paesi più cattolici al mondo. Del resto, nel paese la religione ha giocato un ruolo molto importante da un punto di vista politico. Solidarnosc, il sindacato indipendente di chiara ispirazione cattolica, guidato da Lech Wałęsa, e sostenuto da Papa Giovanni II, fece sì che la Polonia fosse il primo paese dell'ex blocco comunista ad affrancarsi dall'orbita moscovita.

    Eppure in...»

Condividi questa pagina