Cile

Nonostante i 17 anni di dittatura, in genere il Cile viene considerato come uno dei paesi più stabili dell'America latina, sia da un punto di vista economico che politico. È ovvio che quando si parla di stabilità in un paese che ha vissuto una dittatura come quella del Generale Augusto Pinochet, bisogna essere molto cauti. La stabilità politica del Cile, infatti, può essere considerata tale se la si paragona ad altri paesi sudamericani come il Brasile (dove la seconda metà del ventesimo secolo fu caratterizzata da un susseguirsi di colpi di stato e rovesciamenti di regime).

[Nell'immagine: Santiago del Cile è la prima città sudamericana per qualità della vita]

Nome Completo:Repubblica del Cile
Popolazione:17 milioni (ONU, 2009)
Capitale:Santiago (5.392.395 ab. / Cens. 2002)
Superficie:756.096 chilometri quadrati
Lingue ufficiali:Spagnolo
Religione:Cristianesimo
Governo:Repubblica presidenziale
Presidente:Sebastián Piñera
Indipendenza:12 febbraio 1818, dalla Spagna
Ingresso nell'ONU:24 ottobre 1945
Aspettative di vita:76 anni (uomini), 82 anni (donne) (ONU)
Moneta:Peso
Maggiori esportazioni:Rame, frutta, pesce, carta, prodotti chimici
Reddito pro capite:US $ 9,400 (Banca Mondiale, 2008)
Estensione domini:.cl
Prefisso internazionale:+56
Fusi orari:da UTC -4

Tesi Correlate

  • La Presidenza Allende e la crisi democratica del Cile

    La presente tesi di laurea specialistica tenta di analizzare le vicende che hanno portato il Presidente Allende e il suo partito al governo ed i fattori che hanno causato il crollo della democrazia cilena nel 1973, fino ad allora unico paese latinoamericano a non aver subito regimi autoritari dopo aver ottenuto l'indipendenza, partendo fin dalla costituzione della repubblica e del sistema partitico...»

Condividi questa pagina