La guerra e le donne

La guerra non risparmia nessuno, si sa. Ma nel caso del secondo conflitto mondiale, in Giappone le donne furono fra le principali vittime. Le cosiddette donne di conforto: donne spesso fatte prigioniere in Cina e in Corea e portate a seguito dell'esercito come "schiave". Una volta occupato dagli Stati Uniti, inoltre, il governo giapponese decise di organizzare un vero e proprio sistema di bordelli, al fine di " alleviare" le fatiche dei 300.000 soldati stranieri. Il 25 marzo del '46, però, MacArthur si vide costretto a chiudere i bordelli: più del 25%.

Condividi questa pagina