Lingue nigeriane

La varietà  linguistica nigeriana è davvero sorprendente, sebbene l'inglese sia la lingua ufficiale, usato nel commercio e negli atti ufficiali, si stima siano parlate ben 510 lingue, la maggior parte della quali appartenenti alle principali famiglie linguistiche africane.

Niger-kordofaniane sono lo Yoruba e l'Igbo, mentre l'Hausa fa parte della famiglia Afro-asiatica. Le lingue indigene sono per lo più diffuse nelle zone rurali, in particolare l'Hausa è lingua franca in buona parte dell'Africa Occidentale, usato all'interno della popolazione musulmana, mentre il Pidgin (o Broken English) è parlato soprattutto nella zona del delta del Niger.

A seguito della forte frammentazione linguistica, in Nigeria ci sono più di 100 pubblicazioni locali, tra quotidiani e settimanali, che trattano per lo più argomenti legati agli interessi tribali. Molti sono i nigeriani emigrati soprattutto verso gli Stati Uniti, negli anni della rivolta del Biafra e in seguito ai molteplici colpi di stato. D'altro canto, la nazione ospita un discreto gruppo di rifugiati cubani a seguito della rivoluzione di Fidel Castro.

[Nell'immagine: Diffusione delle lingue nigeriane]

Etnie

La cultura nigeriana rispecchia il mosaico di etnie che compone il paese, anche se si possono fare delle macroclassificazioni riferendosi ai maggiori gruppi etnici. Gli Hausa, per lo più diffusi al nord, hanno fortemente risentito della predicazione musulmana, anche se nelle aree rurali vengono ancora praticati i culti indigeni.

Gli Ibo delle zone sud est, responsabili della scissione del Biafra, alternano il cristianesimo all'animismo, così come gli Yoruba, l'etnia più numerosa, con 30 milioni di persone che compongono il 21% della popolazione nigeriana. In effetti, la Nigeria, con più di 130 milioni di abitanti, è la nazione più popolosa dell'Africa. Il paese ospita, infatti, un sesto dell'intera popolazione continentale.

Condividi questa pagina