Politica austriaca

Heinz Fischer

L'Austria è una repubblica parlamentare federale, con un sistema semipresidenziale. Il Presidente viene eletto ogni sei anni. A sua volta, il Presidente nomina il Cancelliere, espressione della maggioranza parlamentare (leader del partito di maggioranza relativa). Il Parlamento austriaco è formato da due camere, il Consiglio federale austriaco (Bundesrat), con 64 rappresentanti degli Stati federati, e il Consiglio nazionale austriaco (Nationalrat) composto da 183 membri eletti direttamente.

L'attuale presidente austriaco è Heinz Fischer, leader del SPÖ (Sozialdemokratische Partei Österreichs, il Partito Socialdemocratico Austriaco), la cui politica è incentrata sul mantenimento dello stato sociale e la neutralità austriaca. Eletto nel 2010, ha avuto la meglio su Barbara Rosenkranz, esponente del partito di estrema destra Fpo (Freiheitliche Partei Österreichs, Partito della Libertà Austriaco), dalle posizioni anti-europeiste. Dopo la laurea con una laurea in giurisprudenza presso l'Università di Vienna nel 1961, Fischer fu eletto membro del parlamento per la prima volta nel 1971. Prima di essere eletto Presidente è stato Ministro della scienza e della ricerca tra il 1983 e il 1987, e presidente del Parlamento nel 1990. Tra il 1992 e il 2004, era anche il vice-presidente del Partito socialista europeo.

Il Cancelliere austriaco è Werner Faymann, dal 2008 a capo di governo di coalizione ha prestato giuramento. Il governo è composto dal centro-sinistra i socialdemocratici (SPO) e il Partito popolare conservatore. Werner Faymann è leader socialdemocratico, mentre il suo vice è Michael Spindelegger leader del Partito Popolare (OeVP). La tornata elettorale del 2008, ha visto la vittoria dei socialdemocratici il 30% dei voti, ma si tratta di uno dei peggiori risultati di sempre. I partiti di estrema destra, infatti, ha ottenuto quasi il 29% dei voti, raddoppiando il loro sostegno dal 2006.

La coalizione ha subito un'ulteriore battuta d'arresto nelle elezioni comunali di Vienna di ottobre 2010, quando l'estrema destra, il Partito della Libertà austriaco, ha vinto con il 26% dei voti, diventando la seconda formazione politica dopo i socialdemocratici. In seguito all'entrata dell'Austria nell'Unione Europea, le forze di estrema destra, anti-europeiste destra hanno guadagnato terreno, radicandosi nelle parti più rurali del paese, come testimonia il successo politico di Jörg Haider, ex governatore della Galizia, leader del FPÖ, morto in un incidente stradale l'11 ottobre 2008.

[Nell'immagine: Heinz Fischer, l'attuale presidente austriaco. Immagine persa qui.]

Condividi questa pagina