Meles Zenawi e il Derg

Sebbene Selassie fosse considerato uno dei più grandi sovrani etiopi e un vero eroe africano, in seguito a forti carestie e all'incertezza sulla sua successione, fu deposto nel 1974 da una dittatura militare di ispirazione marxista-leninista, il Derg, guidata da Mengistu Haile Mariam.

Gli anni che seguirono furono durissimi per il popolo etiope. Oltre allo scoppio della guerra dell'Ogaden contro la Somalia, l'evento più disastroso fu la carestia che tra il 1984 e il 1985 uccise circa 8 milioni di persone.

La politica di Mengistu era basata sull'intimidazione, il terrore rosso, come veniva chiamato il regime repressivo, uccise 1 milione e 500 mila etiopi. Nel 2006, Mengistu, infatti, è stato accusato di genocidio. Nel 1991, quando ormai il regime era fortemente indebolito dai conflitti interni e da un crescente scontento, Mengistu fu deposto dal Fronte Democratico Rivoluzionario del Popolo Etiope (FRDPE).

Nel 1994 venne eletta un'Assemblea Costituente che portò alle prime elezioni pluralistiche nel 1995. Nell'agosto dello stesso anno nacque la Repubblica Federale Democratica Etiope, il cui governo era guidato da Meles Zenawi e dal presidente Negasso Gidada. Sin dalla sua ascesa al potere, Zenawi ha portato avanti una politica federale, basata essenzialmente sulle differenze etniche. Attualmente, infatti, l’Etiopia è formata da 9 regioni semi autonome sia in materia legislativa che fiscale.

Sin dall’inizio, la politica estera di Zenawi è sempre stata filoccidentale, soprattutto alla ricerca di sostegno economico dai partner europei e statunitensi, e dalla Banca Mondiale. L’Etiopia, infatti, è uno degli stati africani più poveri, in cui gran parte della popolazione dipende dagli aiuti umanitari. Nel 2004, il governo ha cominciato a spostare più di due milioni di persone dagli altopiani aridi dell’est, nella speranza di risolvere la mancanza di cibo.

L’economia etiope è basata esclusivamente sull’agricoltura, in particolar modo la coltivazione di caffè, ed è priva di un vero e proprio settore finanziario o commerciale, con una forte presenza monopolistica da parte dello stato, tanto che a nessuna banca straniera è permesso entrare nel paese. Il tasso di disoccupazione è impressionante: tra i giovani etiopi lavora soltanto il 30%.

[Nell'immagine: Il primo ministro etiope Meles Zenawi]

Le tensioni del 2005

Nelle elezioni del 2005, Zenawi è stato rieletto primo ministro. Una tornata elettorale che ha visto un afflusso record, si è recata ai seggi circa il 90% degli aventi diritto di voto, anche se gli osservatori europei hanno espresso qualche perplessità sulla legittimità del loro svolgimento. In seguito ai risultati elettorali, gruppi di oppositori si sono riversati per le strade di Addis Abeba per protestare contro il presidente. In risposta il governo ha duramente represso ogni manifestazione, causando 36 morti e centinaia di arresti, tra cui 18 giornalisti “dissidenti”.

Tesi Correlate

  • La geopolitica del Nilo

    Il Nilo è il fiume più lungo al mondo. Il suo bacino, infatti, attraversa ben nove nazioni africane, dalla Repubblica Democratica del Congo all'Egitto. Le vicende storiche legate al Nilo sono più conosciute a tutti, a cominciare dalla nascita della antica civiltà egizia. Ma anche in tempi recenti lo sfruttamento delle risorse legate al bacino del fiume influiscono in modo significativo sulla geopolitica...»

Condividi questa pagina